Senza categoria

Ho

Da tempo prendo quello che non è di nessuno alla fine del precipizio del giorno.

Ho molte urgenze, che si accumulano come batuffoli grigi della polvere, intessuti di capelli e ritagli nel telaio degli angoli.

Ho un corpo smisurato che non potò mai vivere interamente.

Ho progetti di pentimento in continua elaborazione per renderli adattabili ad ogni occasione.

Ho una stanchezza e mi alleno a farne un richiamo che la mia frenesia possa riconoscere.

Ho poca preghiera esercitata da pochi pianti e molti privilegi.

Ho un cuore che molesto con pensieri camuffati da battiti.

Ho soglie sulle quali mi capita di stare in attesa.

Ho intimità sufficienti per dire come mi sento in questo preciso istante.

Ho idee di partenza portate come una coda.

Ho capelli che arrotolo in ciocche da quando sono bambina per restare bambina.

Ho sogni che costano poco e che sono i miei sogni più preziosi.

Ho un animale che vive appollaiato su di me che sono un albero.

Ho una difficoltà a pensarmi cresciuta percorrendo da sempre le stesse strade.

Ho un ventre che si contrae e spasima.

Ho una lingua per sentire e una per lavorare.

Ho un respiro che a volte trattengo come un ricordo.

Ho parole che raccolgo come fossero d’ordine, quando le trovo posso entrare e sentirmi piena di meraviglia.

 

Antonella Bukovaz

Standard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *