Res cogitans, Stream of consciousness

La carezza di Ilaria

a

Quando si dice: “prendersi cura di un fratello”.

Quando si è primogeniti, e si guarda il segno matematico – > – dal lato opposto della punta.

Quando si misurano le parole, che ad un tratto sono diventate la cosa più importante.

Quando si sta per dire: “non volevano farci vedere Stefano, né da vivo né da…”.

Ma ci si ferma prima. Per poi continuare: “…né dopo la sua morte”.

Una frase da aggiustare in corsa.

Un’astrazione – a suo modo nobile – al posto di una concretezza che sa di rassegnazione, di distacco, di rinuncia.

Una carezza.

 

Ilaria Cucchi, in Tv, una sera d’estate.

Standard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *