Soletta, Stream of consciousness

Celest d’imprest

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Paron dal nuie o stoi

sot di un morâr 

la mê cjiase a je cheste

soredut d’istât

cuant che dut a l’è

bielzà lusôr

e maravee di forment

sì, a je vere,

mi plaseve vioditi

platâ lis bicicletis ‘tune cise

sintìti il marimont

sot dai vistîts

smenteâmi tal meracul di te

che il cîl spes al à un celest

che la vite nus da

dome d’imprest

 

Maurizio Mattiuzza

[Celeste a prestito: Padrone del nulla sto / sotto un gelso / e la mia casa è questa / soprattutto d’estate / quando tutto è / già luce/ e meraviglia di frumento / sì, è vero / mi piaceva vederti / nascondere le biciclette in una siepe / sentirti l’universo / sotto i vestiti / dimenticandomi nel miracolo di te / che il cielo spesso ha un celeste / che la vita ci dà / soltanto in prestito]

Standard

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *